Annunci Immobiliari Palermo e Provincia

ClickCase.it, il primo portale con annunci immobiliari solo di Privati. Cerca, vendi e affitta la tua casa direttamente da privato a privato. Contatti veloci e trasparenti senza agenzie e senza pagare provvigioni.

Trovati 310 risultati
Ordina per:
TROVA UN PROFESSIONISTA

TROVA UN PROFESSIONISTA

Di quale Professionista hai bisogno ?
Geometra, Avvocato, Consulente...
Trovalo in ELENCO PROFESSIONISTI
CERCA AZIENDE E ARTIGIANI

CERCA AZIENDE E ARTIGIANI

Ditte di traslochi, fabbri, imbianchini,
arredatori, mobilieri, idraulici...
Trova tutto in ELENCO AZIENDE
Palermo - Romagnolo
Appartamento in Vendita
No provvigioni. Appartamento posto al primo piano composta da 5 ambienti, tre stanze, ingresso disimpegno e corridoio, cucina...
95 m² | 5 locali
annuncio del 29 agosto 2014
Foto - Appartamento in Vendita a Palermo - Calatafimi Bassa
8
Palermo - Calatafimi Bassa
Appartamento in Vendita
No provvigioni. Via Ragusa Moleti, a ridosso del Corso Calatafimi, in stabile anni '80, appartamento in contesto signorile posto al 4'...
Classe Energetica E
75 m² | 3 locali
annuncio del 28 agosto 2014
Foto - Appartamento in Vendita a Palermo - Borgo Nuovo
8
Palermo - Borgo Nuovo
Appartamento in Vendita
No agenzia. Appartamento totalmente ristrutturato, composto da cucina abitabile, salone, bagno, camera da letto, cameretta e...
90 m² | 4 locali
annuncio del 28 agosto 2014
Castelbuono (Palermo)
Appartamento in Affitto
Privato affitta. Affittasi luminoso bivani in pieno centro storico, a 10 mt dal Castello dei Ventimiglia. E' composto da una camera da...
Classe Energetica F
35 m² | 3 locali
annuncio del 28 agosto 2014
Palermo - Borgo Nuovo
Appartamento in Vendita
No intermediari. Con € 530, 00 per trent'anni per giovane coppia e/o neo sposi in Zona Borgo Nuovo "largo Pozzillo" luminoso 5 Vani doppi...
Classe Energetica G
135 m² | più di 5 locali
annuncio del 26 agosto 2014
Palermo - Uditore
Casa indipendente in Affitto
No agenzia. Affitasi bivani piu' cucina semiabitabile con wc con doccia balcone e finestre in palazzina indipendente unico...
75 m² | 3 locali
annuncio del 25 agosto 2014
Foto - Appartamento in Vendita a Palermo - Acqua Dei Corsari
2
Palermo - Acqua Dei Corsari
Appartamento in Vendita
No intermediari. Luminoso 5 vani, attualmente diviso in due appartamenti. Tre esposizioni, di cui una fronte mare con ampio balcone...
Classe Energetica F
145 m² | 5 locali
annuncio del 25 agosto 2014
Foto - Villa in Vendita a Palermo - Partanna
8
Palermo - Partanna
Villa in Vendita
Privato vende o affitta anche per feste di complenno matrimoni, eventi, ecc. Meravigliosa villa con piscina su due...
Classe Energetica G
600 m² | più di 5 locali
aggiornato il 25 agosto 2014
Foto - Appartamento in Vendita a Palermo - Giotto
1
Palermo - Giotto
Appartamento in Vendita
No intermediari. Permuto con casa-ufficio zona tribunale piano basso pago in contanti...
Classe Energetica A
100 m² | più di 5 locali
aggiornato il 24 agosto 2014
Foto - Appartamento in Affitto a Bagheria (Palermo)
8
Bagheria (Palermo)
Appartamento in Affitto
Privato affitta. Affitasi appartamento al pianoterra di una palazzina di nuova costruzione, di circa 80 mq nei pressi dello stadio di...
Classe Energetica F
80 m² | 2 locali
annuncio del 23 agosto 2014
Pagina 1 di 31

Palermo

Fondata dai Fenici nel VII sec. a.C. con il nome di Ziz, fiore, viene conquistata dai Romani che le danno il nome di Panormus (dal greco, tutto porto) che, con poche modifiche (l'arabo Balharm) è giunto fino a noi.
Il periodo felice della città ha inizio sotto il dominio arabo (IX sec. d.C.) quando diviene uno dei principali centri islamici in occidente. La città si espande e nascono nuovi quartieri urbani al di là dei confini del centro storico detto il Cassaro (dall'arabo Al Quasr, il castello, antico nome anche della via principale, oggi corso Vittorio Emanuele). In particolare, nei pressi dello sbocco sul mare nasce la Kalsa (da al Halisah, l'eletta), quartiere fortificato e residenza dell'emiro.
Nel 1072 la città cade in mano al normanno conte Ruggero, ma il passaggio non avviene in modo violento: ai mercanti, gli artigiani e più in generale alla popolazione musulmana (ma anche di altre razze e religioni) viene consentito di continuare a vivere e ad esercitare la propria professione. E' proprio questo che permette il diffondersi dello stile poi detto arabo-normanno, bellissima miscela di motivi sia architettonici che decorativi. La città prospera e si arricchisce di apporti delle diverse culture. Ruggero II, figlio del "conte", amante del lusso, fa nascere ovunque giardini di foggia orientale con lussuosi palazzi (la Zisa, la Cuba) e si circonda di letterati, matematici, astronomi ed intellettuali provenienti da ogni dove. Dopo un breve periodo di scompiglio e decadenza, Palermo e la Sicilia passano nelle mani di Federico II di Svevia (1212), sotto il quale la città riacquista centralità e vigore. Si susseguono gli angioini, cacciati alla fine della cosiddetta Guerra del Vespro, gli Spagnoli e, nel '700, i Borboni di Napoli che vestono la città di palazzi barocchi.
L'Ottocento segna l'apertura della città ai commerci ed alle relazioni con l'Europa. La borghesia imprenditoriale è la nuova forza economica e la nuova "committente". E la città allarga i suoi confini. Viene inaugurato il viale della Libertà, continuazione di via Maqueda, ed il quartiere che vi sorge attorno si arricchisce di creazioni liberty. Ed è purtroppo l'ultimo guizzo, seguito da un periodo di stasi che vede susseguirsi i bombardamenti dell'ultima guerra, il terremoto del 1968 ed un lento, ma corrosivo degrado dei quartieri medievali.
L'attuale nome è di origine greca ('pàn-ormos' = tutto porto), anche se i greci non hanno mai dominato Palermo. Infatti, dopo essere stata controllata dai Fenici e dai Cartaginesi, la città fu assorbita dai Romani nel 254 a.C.. Anche in età romana continuò a svolgere il suo ruolo di porto strategico: in seguito le invasioni barbariche la devastarono fino al 535, quando fu occupata dai Bizantini, che ne fecero il loro centro principale in Sicilia. Del periodo romano-bizantino non è rimasto quasi nulla perchè, per un lungo periodo, la città fu ogni volta ricostruita dentro le mura, distruggendo regolarmente gli edifici preesistenti.
Tre secoli dopo (831), Palermo fu conquistata dagli Arabi che la resero una delle belle e floride città del tempo, specialmente dopo che fu eletta capitale dell'Emirato di Sicilia. La città si sviluppo con l'edificazione di quartieri, fortezze e palazzi: le vecchie mura, così, rimasero a cingere un quartiere chiamato el-qasr, da cui il nome di Cassaro, che indica attualmente anche il Corso Vittorio Emanuele. Furono gli Arabi ad impiantare i primi agrumeti nella Conca d'Oro aprendo nuove possibilità di sviluppo economico. L'influenza della loro cultura fu talmente forte che anche dopo la conquista della città da parte dei Normanni (1072), si continuarono a costruire giardini, chiese e palazzi secondo il gusto arabo.
I Normanni, prima, e gli Svevi, successivamente, svilupparono la vocazione commerciale della città rendendola un nodo importante dei collegamenti fra Europa e Asia. Allo stesso tempo, essi diedero un forte impulso alla vita intellettuale che continuò comunque ad arricchirsi dell'esperienza e della cultura arabe. E' in questo periodo che nasce la "Scuola Siciliana" di poesia, legata in particolare alla corte di Federico II, primo nucleo poetico-letterario consapevole sul territorio italiano. E' questo il primo periodo di cui, nella Palermo di oggi, ritroviamo testimonianze significative. Tra le altre: il Palazzo dei Normanni, edificato da Ruggero II su una vecchia fortezza araba, e alcune chiese come S. Giovanni dei Lebbrosi, la Martorana, S. Giovanni degli Eremiti, S. Cataldo, tutte con evidenti echi architettonici arabi. E come, per così dire, arabo-normanne possono essere considerati la Zisa, residenza dei reali svevi, il Ponte dell'Ammiraglio, la Cuba e la Cubula, due padiglioni contenuti in un grande parco realizzato da Guglielmo II. Nel 1184 venne fondata la Cattedrale che, attraverso modifiche e rimaneggiamenti, rimarrà "in costruzione" fino al XIX secolo.
L'avvento degli Angioini (1266) segnò invece per Palermo l'inizio di un periodo di malgoverno e declino, reso ancor più evidente dalla perdita del ruolo di capitale in favore di Napoli. E' da tale situazione che sfociò la famosa rivolta del 1282 nota come "i Vespri Siciliani", che spinse gli Aragonesi a conquistare l'isola. Palermo conobbe quindi una nuova crescita, che coincise con un periodo di sostanziale autonomia amministrativa fondata sulle famiglie feudali che di fatto gestivano il potere, nonostante la presenza degli Aragonesi. I Vespri e la fase immediatamente seguente furono, fino al Risorgimento, l'ultimo periodo in cui la Sicilia prese parte attiva alla propria storia, prima di divenire un semplice oggetto di scambio fra le grandi potenze.
Alcune delle famiglie più influenti si fecero costruire una residenza in Palermo: per esempio i Chiaromonte e gli Sclafani, che danno il nome ai due palazzi più belli del periodo.
A partire dal 1412, con l'annessione effettiva al Regno d'Aragona, le famiglie feudali iniziarono lentamente a perdere il loro potere; contemporaneamente iniziò a scemare la prosperità economica della città lungo un processo che sarebbe proseguito, fra alti e bassi, nei secoli successivi.
Durante il Quattrocento furono costruiti alcuni edifici in stile tardo-gotico catalano, fra cui i palazzi Senatorio, Ajutamicristo e Abatellis, il quale ospita la Galleria Regionale della Sicilia.
I secoli XVI-XVIII, durante i quali Palermo fu sotto il governo spagnolo, segnarono, come già accennato, un ristagno dell'economia, una diminuzione delle industre e un calo dei traffici commerciali.
Al Cinquecento risalgono la splendida chiesa di S. Maria della Catena, ancora in stile tardo-gotico catalano, la Gancia (S. Maria degli Angeli) e la Chiesa del Gesù. Nella seconda metà del secolo venne prolungato il Cassaro e furono realizzate le porte alle sue estremità (Porta Felice e Porta Nuova), e fu risistemata la Piazza Pretoria con la monumentale fontana composta da scale, statue e balaustre.
Nei secoli XVII e XVIII Palermo assunse una fisionomia barocca ( che ha in buona parte conservato ), sia con la costruzione di nuovi edifici, sia con aggiunte e rifacimenti di strutture preesistenti. Le chiese di S. Domenico e, soprattutto, di S. Teresa sono considerate due capolavori del Barocco palermitano. Di straordinario pregio sono le decorazioni in stucco realizzate da Giacomo Serpotta negli oratori di S. Rita, del Rosario di S. Domenico e di S. Lorenzo.
Di questo periodo è la novità urbanistica più importante nella storia della città, l'apertura della barocca via Maqueda, che incrocia perpendicolarmente il Cassaro (corso Vittorio Emanuele), dividendo in quattro parti l'area cittadina.
Nel 1711 ebbe termine il dominio spagnolo e, dopo un breve periodo di controllo sabaudo, la città cadde sotto i Borboni che ne ressero il governo fino all'unità d'Italia. Quello borbonico, specie nella seconda metà del XVIII secolo, fu un periodo di riforme economiche e politiche importanti che ebbero come conseguenza un forte aumento della popolazione.
Nella seconda metà del Settecento furono infatti realizzati l'orto botanico, con numerose piante tropicali rare, Villa Giulia, primo giardino pubblico di Palermo, e il Parco della favorita con la Palazzina Cinese.
All'Ottocento risalgono il prolungamento di via Maqueda con via R. Settimo e viale della Libertà, lungo la quale sorsero poi splendide ville in stile Liberty, e l'edificazio gliare questo magnifico gigante d'oriente ancora addormentato.

Cerco casa Vendo casa privato Annunci immobiliari privati